Tipologia degli strumenti per pesare.

Simbolo identificativo di uno strumento di tipo  OMOLOGATO 
Simbolo identificativo di uno strumento di tipo  NON OMOLOGATO 

Il Decreto  Legislativo n.517 del 29/12/1992, all’art. 2 comma 2 lettera b stabilisce che tutti gli strumenti per pesare non automatici usati per la:

  1. Determinazione della massa per le transazioni commerciali;
  2. Determinazione della massa per il calcolo di un pedaggio, una tariffa, una tassa, un premio, un’ammenda, una remunerazione, un’indennità o compenso di tipo analogo;
  3. Determinazione del peso per l’applicazione di disposizioni legislative o regolamentari; perizie giudiziarie;
  4. Determinazione di peso nella prassi medica nel contesto della pesatura di pazienti per ragioni di controllo, diagnosi e cura;
  5. Determinazione del peso per la fabbricazione di medicine su prescrizione in farmacia e determinazione dei pesi in occasione delle analisi effettuate in laboratori medici e farmaceutici;
  6. Determinazione del prezzo in funzione del peso per la vendita diretta al pubblico e la confezione di preimballaggi.

debbano essere di tipo omologato e possedere i requisiti descritti dal D.L. 517/92 (e successive modifiche del D.L.40/97).

La strumentazione di tipo omologato è individuabile dalle targhette metrologiche recanti:
a) -la marcatura CE di conformità che comprende il simbolo CE descritto nell'allegato IV, seguito dalle ultime cifre dell’anno in cui è stato apposto;
     - il (i) numero di identificazione dello(degli) organismo(i) notificato(i) che ha(hanno) effettuato le operazioni di sorveglianza CE o di verificazione CE.
La marcatura e le iscrizioni sopraindicate sono apposte sullo strumento, raggruppate in
modo distinto;
b) Un contrassegno quadrato di almeno 12,5 mm di lato, verde, recante la lettera M in carattere di stampa maiuscolo, nero;
c) le seguenti iscrizioni:

  • -se del caso, numero del certificato di approvazione CE del tipo,
  • -marchio o nome del fabbricante,
  • -la classe di precisione, racchiusa in un ovale o tra due lineette orizontali unite da due semicerchi,
  • -portata massima, nella forma Max…,
  • -portata minima, nella forma Min…,
  • -divisione di verifica, nella forma e =...,
  • -le due ultime cifre dell'anno in cui è stata apposta la marcatura CE,

nonché, se del caso

  • -numero di serie,
  • -per gli strumenti costituiti da due unità distinte ma associate: marchio di identificazione su ciascuna unità,
  • -divisione, se diversa da "e", nella forma d=...,
  • -effetto massimo sottrattivo di tara nella forma T=-...
  • -effetto massimo additivo di tara, se diverso da "Max", nella forma T=+...,
  • -divisione di tara, se diversa da "d" nella forma dT =...,
  • -carico limite, se è diverso da "Max", nella forma Lim...,
  • -valori limite di temperatura nella forma ...°C /...°C,
  • -rapporto tra ricettore di peso e carico.

Esempio di targhetta metrologica di uno strumento di tipo   OMOLOGATO :

esempio etichetta metrologica 430

Gli altri strumenti ( per usi diversi all’art. 2 comma 2 lettera b, ossia per uso interno, di tipo  NON OMOLOGATO ) devono recare:

  • -Il marchio o il nome del fabbricante,
  • -La portata massima, nella forma Max….

Questi strumenti non possono avere il contrassegno verde con la lettera M

Esempio di targhetta metrologica di uno strumento di tipo  NON OMOLOGATO :

esempio targhetta pesa non omologata